Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Vendita e somministrazione alcolici: entro il 31 dicembre la comunicazione alle Dogane

La misura interessa le aziende che hanno iniziato la vendita dopo il 29 agosto 2017, o che da quella data hanno cambiato assetto societario o attività.



Una vetrina CNA per imprese alimentari alla fiera

 

Con il Decreto crescita 2019 il governo ha reintrodotto l’obbligo - a partire dal 30 giugno 2019 - di effettuare la denuncia fiscale per ogni vendita e somministrazione di prodotti alcolici. La denuncia è a carico degli esercizi pubblici e di ogni altra attività che commercializza bevande alcoliche o prodotti che contengono alcol.

Chi deve effettuare denuncia

La vendita al minuto di prodotti alcolici comprende tutte quelle attività che si rivolgono direttamente al consumatore finale, inclusi la vendita al dettaglio e la somministrazione.

Ricapitolando, sono soggetti alla denuncia:

  • gli esercizi di vendita di liquori o bevande alcoliche annessi ad esempio ad alberghi, locande, pensioni, trattorie, osterie, caffè ed esercizi simili;
  • la vendita al dettaglio di alcolici in negozi di vicinato, nelle medie o grandi strutture di vendita - supermercati ed ipermercati (comprese le profumerie che vendono profumi contenenti alcol);
  • gli esercizi di somministrazione al pubblico di bevande alcoliche per il consumo sul posto - ristoranti, tavole calde, pizzerie, birrerie, bar, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari;
  • gli esercizi operanti temporaneamente nel corso di sagre, fiere, mostre e simili;
  • la vendita al dettaglio di bevande alcoliche per mezzo di apparecchi automatici.

Entro il 31 dicembre la comunicazione alle Dogane

Connesso alla denuncia fiscale, il Decreto crescita introduce inoltre l’obbligo di aggiornare la propria posizione nei confronti dell’Ufficio Dogane, a tutte quelle imprese che, dopo il 29 agosto 2017:

  • hanno iniziato l’attività o la commercializzazione di prodotti a base di alcol
  • hanno fatto delle modifiche societarie o di attività.

La presentazione della denuncia di attivazione di esercizio di vendita va presentata all’Ufficio delle dogane territorialmente competente entro martedì 31 dicembre 2019.

Nuove imprese: la denuncia avviene con l’avvio attività

Per tutte le aziende di nuova costituzione avviate dopo il 30 giugno 2019, la denuncia di attivazione di esercizio di vendita diventa una pratica connessa all’avvio della attività.

Verifica la tua posizione con CNA

Per verificare e regolarizzare la posizione sul tema, le imprese che rientrano nei criteri sopra indicati possono contattare i professionisti CNA al numero 0444 569 900 (Area Sviluppo Mestieri) o alla mail mestier@cnavicenza.it.

 

Contatti Area Servizio Mestieri CNA Vicenza 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Torna "Privacy. Mettiamoci al lavoro", il corso pr   Linkedin CNA 

 

 

 



segnala stampa articolo

sitengine telemar