Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> News 
Assemblea nazionale CNA, siamo noi gli “imprenditori supereroi”

Più di cinquemila artigiani e imprenditori hanno invaso il PalaPrometeo di Ancona, davanti al Premier Conte e al Ministro Patuanelli.



Assemblea nazionale CNA, siamo noi gli “imprendito
Più di cinquemila artigiani e imprenditori presenti, uniti in una sola voce davanti alle maggiori cariche istituzionali nazionali. Al PalaPrometeo di Ancona è andata in scena una vera e propria assemblea dei record per CNA.

Davanti al premier Giuseppe Conte e al Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, l’incontro annuale dell’associazione ha aperto un confronto acceso sulle nuove esigenze del mercato del lavoro e sulle responsabilità di una politica che non può più pensare a “soluzioni parziali e rimedi tampone”, come ha ammonito nel suo intervento il presidente nazionale CNA Daniele Vaccarino.


Un’assemblea non per chiedere ma per proporre, come è sempre nello spirito di partecipazione attiva alla vita politica che fa parte del Dna dell’associazione. Un incontro che non ha mancato di puntare il dito e alzare la voce contro le difficoltà e le strettoie quotidiane che incontra chi ha il coraggio di fare impresa in Italia. Ma anche un momento di festa per ridare entusiasmo ed energia a chi, nonostante tutto, si alza ogni giorno per produrre il meglio del Made in Italy e far girare la nostra economia.

A scatenare la platea, la performance di chiusura del cantante Lorenzo Baglioni, che in omaggio al clima della giornata ha dedicato ai presenti il brano “Imprenditori supereroi”, con parole e musica ispirate proprio al saper fare artigiano.

Vaccarino: “Ora scelte coraggiose e lungimiranti”
Assemblea nazionale CNA, siamo noi gli “imprendito

Le sfide che deve affrontare l’Italia richiedono scelte “coraggiose e lungimiranti, di grande respiro”. Il presidente nazionale CNA, Daniele Vaccarino, lancia un appello al Paese a mobilitarsi per uscire da una stagnazione ormai cronica e ridare fiducia. “Nessuno può stare alla finestra – ha detto Vaccarino – non è concesso in primo luogo alla politica” che non può permettersi il lusso di essere “fragile e incerta, tanto meno litigiosa” ma ha il “dovere inderogabile di esprimere una visione generale che emozioni e mobiliti l’azione”.

Occorre una nuova stagione di relazione con il fisco e Vaccarino ha indicato che un fisco “trasparente, ragionevole, equo e semplice crea fedeltà”. Il contrasto all’evasione è “molto importante” ma deve essere un’azione condotta “senza criminalizzare autonomi, artigiani, commercianti e piccola impresa. Siamo stanchi di questo accanimento. Subiamo il discredito gettato da chi opera nell’illegalità e nell’abusivismo, da chi usa la protezione di un lavoro dipendente. È venuto il momento di far pagare il giusto anche i colossi del web. La web tax serve subito”.
Occupazione: “Nonostante le enormi difficoltà e un contesto sfavorevole, le piccole imprese continuano a creare occupazione. Il numero dei dipendenti è aumentato del 15% negli ultimi 5 anni”. E vorremmo crearne ancora di più” ha sottolineato Vaccarino invocando una semplificazione dei contratti a termine e il ripristino dei voucher.

“Abbiamo bisogno di più sostegno nella difesa della nostra autonomia e libertà di impresa, insidiata sia dalle concentrazioni di potere economico, sia dai grandi operatori che condizionano e indirizzano il mercato. Emblematico, al riguardo, è l’articolo 10 del “decreto crescita” e il presidente CNA ha rinnovato l’appello al Governo a cancellare la norma.


Conte: “Dialogare insieme per trovare misure giuste”
Dialogare insieme per trovare le misure giuste” per favorire la crescita del Paese. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte nel suo intervento ha sottolineato il ruolo di artigiani e piccole imprese: “L’Italia è ammirata e rispettata nel mondo per la qualità dei prodotti, delle eccellenze delle manifatture artigiane”. E questo “ci rende più forti nel mondo, le nostre eccellenze sono davvero apprezzate in tutto il mondo, vantiamo un primato in Europa, un nostro valore che dobbiamo conservare e rinnovare”.

Il premier illustra davanti alla platea le linee portanti della prossima manovra e l’obiettivo di “dare una prospettiva strategica”: occorre dare continuità e certezza a chi lavora e fa impresa e che rischia”. Annuncia un’opera profonda di semplificazione. “Per crescere c’è bisogno di un quadro regolatorio più semplificato. La burocrazia vi toglie il sonno ma lo toglie anche al presidente del Consiglio”.

Per chiudere, la conferma che la strategia contro l’evasione “non criminalizzerà alcuna categoria. Il nostro piano è garbato ma chiaro”. Anche sulla moneta elettronica. “Verranno favoriti con incentivi coloro che utilizzano i pagamenti digitali ma chi continuerà a usare il contante non sarà penalizzato”.

Patuanelli: “Certezze a chi fa impresa”
Assemblea nazionale CNA, siamo noi gli “imprendito

Il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli ha sottolineato la necessità di “dare certezze a chi fa impresa. L’impegno è di definire un piano triennale per Impresa 4.0”. L’altro annuncio del ministro riguarda l’annoso problema dell’accesso al credito. “Il credito è un tema fondamentale per la piccola impresa – ha sottolineato Patuanelli – per questo serve una banca pubblica per gli investimenti che consenta alle piccole imprese di accedere al credito”.


 

 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Instagram CNA   Linkedin CNA 



(29/10/2019)


segnala stampa articolo

sitengine telemar