Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
banner intestazione

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> News 
Contenimento zanzare, il decalogo del Comune di Vicenza con le azioni di prevenzione per privati e imprese

L'amministrazione fornisce le istruzioni da seguire per contenere la proliferazione del fastidioso insetto. Privati cittadini, amministratori condominiali e imprese chiamati a fare la propria parte.



Elezioni comunali Schio, CNA  presente stasera al

 

Il Comune di Vicenza chiama a rapporto privati cittadini e imprese, invitandoli a fare la propria parte contro la proliferazione delle zanzare nel territorio comunale.

Con l’ordinanza N.0084657/2019 l’amministrazione berica, da anni impegnata al contenimento delle zanzare, sempre più aggressive e veicoli di malattie - come Dengue, Febbre Chikungunya, Zika e West Nile - pubblica un decalogo con le regole e le buone prassi da seguire per impedire la diffusione del fastidioso insetto.

Una lista di azioni che si unisce all’attività di disinfestazione avviata, come ogni anno, dal comune, attraverso la collaborazione con aziende specializzate, e che mira alla tutela della salute pubblica.

Cosa fare

Il focus del decalogo si concentra in particolare sulle misure contro la zanzara tigre, che è solita deporre le uova in contenitori di piccole dimensioni, umidi o pieni d’acqua, e che è divenuta particolarmente aggressiva e diffusa.

Ecco le azioni che i diversi soggetti devono mettere in atto:

CITTADINANZA

  • non abbandonare oggetti e contenitori di qualsiasi natura e dimensioni dove possa raccogliersi l'acqua piovana (barattoli, copertoni, rifiuti, materiale vario sparso);

  • svuotare giornalmente qualsiasi contenitore di uso comune con presenza di acqua e, ove possibile, lavarli o capovolgerli (bacinelle, bidoni, secchi, annaffiatoi);

  • coprire ermeticamente i contenitori d'acqua inamovibili (bidoni, cisterne);

CONDOMINI E PROPRIETARI/GESTORI DI EDIFICI

  • trattare in forma preventiva e periodica le caditoie ed i tombini presenti in giardini, cortili e nelle aree esterne di pertinenza degli edifici, con prodotto disinfestante larvicida in compressa (dal mese di aprile fino al mese di ottobre);

  • registrare i trattamenti in apposito registro e conservare le ricevute di acquisto dei prodotti, da esibire su richiesta delle autorità di controllo;

  • provvedere al taglio periodico dell'erba e al contenimento della vegetazione nelle aree verdi;

  • evitare l'accumulo di rifiuti di ogni genere; evitare il ristagno delle acque meteoriche o di qualsiasi altra provenienza e tenere sgombri i cortili e le aree esterne da erbacce, sterpi;

PROPRIETARI O DETENTORI, DI SCARPATE FERROVIARIE, SCARPATE E CIGLI STRADALI, CORSI D'ACQUA, AREE INCOLTE E AREE DISMESSE

  • mantenere le aree libere da sterpaglie, rifiuti o altri materiali che possano celare il formarsi di raccolta d'acqua;

CONSORZI, AZIENDE AGRICOLE E ZOOTECNICHE E CHIUNQUE DETENGA ANIMALI PER ALLEVAMENTO

  • curare il perfetto stato di efficienza di tutti gli impianti idrici allo scopo di evitare raccolte, anche temporanee, di acqua stagnante;

  • procedere autonomamente, dal mese di aprile al mese di ottobre, ad eseguire disinfestazioni periodiche dei focolai larvali;

RESPONSABILI DEI CANTIERI

  • eliminare le raccolte idriche temporanee e tutti i ristagni d'acqua occasionali;

  • mantenere le aree libere da rifiuti o altri materiali che possano favorire il formarsi di raccolte d'acqua stagnante;

  • procedere alla disinfestazione larvicida periodica, dal mese di aprile al mese di ottobre, delle aree interessate dall'attività di cantiere, qualora siano presenti caditoie, pozzetti o accumuli d'acqua di qualsiasi natura; 

DETENTORI DI PNEUMATICI O ASSIMILABILI

  • conservare gli pneumatici in aree rigorosamente coperte o, in alternativa, disporli a piramide, dopo averli svuotati da eventuale acqua, ricoprendoli con telo impermeabile fisso e teso, assicurandosi che non formi pieghe o cavità dove possa raccogliersi acqua piovana;

  • eliminare o stoccare in luoghi chiusi gli pneumatici fuori uso e non più utilizzabili, dopo averli svuotati da ogni contenuto di acqua;

  • provvedere alla disinfestazione larvicida e/o adulticida, con cadenza quindicinale, fino al mese di ottobre, degli pneumatici privi di copertura;

IMPIANTI DI GESTIONE RIFIUTI E ATTIVITÀ QUALI LA ROTTAMAZIONE, LA DEMOLIZIONE AUTO, GIARDINI BOTANICI, VIVAI E CONDUTTORI DI ORTI URBANI

  • procedere ad una periodica disinfestazione larvicida, da effettuare tra aprile e ottobre, delle aree interessate dalle attività;

  • coprire ermeticamente tutti i contenitori per la raccolta dell'acqua (bidoni, annaffiatoi, secchi, bacinelle ecc.);

  • avere cura nell'evitare la formazione di tutti i ristagni d'acqua occasionali, comprese le pieghe di eventuali teloni di copertura, e provvedere alla loro eliminazione nel caso essi comunque abbiano a formarsi;

UTENTI DELLE AREE CIMITERIALI  

  • eliminare le raccolte d'acqua nei sottovasi di proprietà;

  • utilizzare esclusivamente l'acqua trattata fornita dalle apposite cisterne;

  • in caso di utilizzo di fiori finti il vaso dovrà essere riempito di sabbia;

  • tutti i contenitori utilizzati saltuariamente (es. piccoli innaffiatoi o simili) dovranno essere  sistemati in modo da evitare la formazione di raccolte d'acqua in caso di pioggia. 

Sanzioni fino a 500 per chi non segue le regole

Attenzione perché per chi non rispetta le disposizioni del Comune sono previste sanzioni amministrative da 25 a 500 euro

In caso di inadempienza, inoltre, è prevista l'esecuzione d'ufficio degli interventi necessari, a carico diretto degli stessi trasgressori.

Informazioni

Contattaci allo  0444569900  o invia una mail a mesteri@cnavicenza.it

 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Instagram CNA   Linkedin CNA 

 

 

 

 



(18/06/2019)


segnala stampa articolo

sitengine telemar