Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> News 
Export, Messico e India chiamano le piccole e medie imprese vicentine

Non solo la via della seta. A Palazzo Cordellina la tappa vicentina di Export 360°, la convention sulle strategie di vendita all’estero per pmi promosso da ICE Agenzia e SACE, in partnership con il progetto IntEx di CNA.



Export 360° Ice Vicenza

C’è un mercato che cresce a doppia cifra, e che per continuare a farlo ha bisogno di aprirsi alla manifattura vicentina e del nordest. Lo ha confermato la tappa berica di Export 360°, il progetto promosso dall’agenzia governativa ICE per l’alfabetizzazione all’export delle piccole e medie imprese, che ha inserito Vicenza nel tour tra i maggiori distretti produttivi nazionali. Obiettivo, spiegare alle tante eccellenze del territorio che ancora non hanno osato aggredire mercati d’oltreconfine come già adesso, con gli strumenti giusti, ci siano tutte le condizioni per impostare una strategia di export di successo. Due le destinazioni privilegiate secondo gli addetti ai lavori: Messico (per costruzioni, meccanica e nuove tecnologie), e India (per cosmesi, farmaceutica e alimentare).

La mattinata, promossa con la collaborazione di SACE SIMEST e la partnership del progetto IntEx di CNA, ha chiamato a raccolta a Palazzo Cordellina imprenditori e manager di importanti aziende del territorio, con molti che hanno assistito alle discussioni in collegamento streaming.

Al tavolo dei relatori Cristina Gioffrè e Alessandro Barulli di ICE; intervenuti in videoconferenza da Città del Messico Giuseppe Manenti (direttore ICE Messico) e Paolo Malfitano (Trade Analyst ICE Messico), da New Delhi Francesco Pensabene (coordinatore ICE per India, Nepal, Bhutan, SriLanka, Bangladesh e Maldive) e da Mumbai Fabrizio Giustarini (Responsabile Ufficio ICE Agenzia Mumbai).

Messico
Un Paese giovane, economicamente stabile, vicino agli Usa e con un ampio mercato di consumo. Sono i punti di forza del Messico, già oggi secondo destinatario delle esportazioni italiane nel continente americano dopo gli Stati Uniti. Il Messico importa dall’Italia principalmente macchinari, prodotti metallurgici, chimici e plastici, oltre ad apparati elettrici e per la manifattura che assieme rappresentano oltre l'85% del totale delle importazioni dall’Italia; il restante 15% è rappresentato da abbigliamento, gioielleria, arredamento e prodotti agroalimentari.

«Il quadro emerso è chiaro - ha osservato Marco Troncon, responsabile progetto IntEx CNA Vicenza -: le sfide che possono incontrare gli interessi delle imprese italiane qui sono rappresentate dallo sviluppo delle infrastrutture. Quest’anno per esempio è previsto l’avvio dei lavori per la linea ferroviaria del Treno Maya, un progetto da 8 miliardi di dollari. Ma tutto il settore delle costruzioni resta in espansione, con progetti per raffinerie, edilizia residenziale e edilizia commerciale, e soprattutto con la riqualificazione del comparto aeroportuale: solo per Città del Messico sono previsti tre nuovi terminal. E poi c’è tutta la partita legata alle tecnologie. In Messico c’è un’industria molto forte nel campo automotive e aerospaziale, così come sta crescendo molto l’attenzione all’ambiente, che sta portando a una complessiva modernizzazione delle strutture per la produzione di energia da fonti rinnovabili e tradizionali».    

India
L’India è il secondo produttore mondiale di prodotti alimentari, settore che rappresenta il 32% del mercato del Paese. Eppure buona parte del suo potenziale resta inespresso, se è vero che per inadeguatezza infrastrutturale brucia ogni anno guadagni per oltre 1,5 miliardi di dollari. Numeri record anche nel settore della cura della persona: tra il 2018 e il 2025 è previsto un salto da 6,5 a 20 miliardi di dollari nella produzione e commercializzazione di cosmetici, con le importazioni dall’Italia arrivate quest’anno quasi al 40%.
   
«Le imprese vicentine dei due macro settori - prosegue Troncon - possono contare su ampi margini d’azione. Il governo indiano sta investendo molto per il potenziamento del sistema alimentare, con un fondo per il lattiero-caseario e iniziative per ridurre i dazi all’importazione di acqua e dispositivi tecnologici con cui abbattere gli sprechi produttivi. Per quanto riguarda la cosmesi bastano le sole caratteristiche di mercato a renderlo interessante: popolazione giovane, miglioramento delle condizioni economiche, aumento qualitativo dello stile di vita e soprattutto crescita esponenziale dello shopping online, con una spesa che tra qui e il 2020 triplicherà».

Come costruire l’export intelligente
La cosa importante è avvicinarsi ai mercati con la giusta strategia, per puntare a risultati duraturi nel medio-lungo termine. L’obiettivo primario è costruire quindi un modello di export... intelligente, «concetto che abbiamo abbreviato nella sigla Intex  - conclude Troncon - , cioè un vero protocollo di interventi per portare le piccole imprese a insediarsi all’estero con una visione di futuro. Collaborando con ICE abbiamo mostrato alle imprese che là fuori c’è un mondo di opportunità, proprio in senso letterale. Ma non basta buttarsi e provare, perché il rischio è quello di rimanere scottati». Qual è allora la ricetta di un vero progetto di export fatto con la testa?

«È fondamentale prima di tutto presidiare il mercato, direttamente o attraverso un importatore di fiducia che si occupi anche del servizio post vendita, in prospettiva di aprire un proprio distaccamento commerciale. E poi va curata la tutela del saper fare aziendale prima di condividerlo con partner locali. Alle imprese che seguiamo consigliamo infine di premunirsi registrando i propri marchi e progetti. Queste sono le basi per intavolare relazioni di reciproco vantaggio che sono la chiave del successo».

 

 Contatti Intex CNA Vicenza 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Instagram CNA   Linkedin CNA 

 

 

 

 



(12/04/2019)


segnala stampa articolo

sitengine telemar