Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
Ambiente Sicurezza Energia
Consulenza per le Imprese
CREAIMPRESA
CREDITO
Internazionalizzazione
PAGHE
Lavoro e Risorse Umane
News
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> Servizi -> PAGHE 
Assegni per il nucleo familiare: nuova modalità telematica per presentare la domanda

A partire dal 01 aprile cambiano le modalità di presentazione della richiesta degli ANF per i dipendenti delle imprese private non agricole.



Assegni per il nucleo familiare

 

Una nuova modalità di invio della domanda per richiedere gli ANF (Assegno Nucleo Familiare) cioè un’integrazione salariale per i nuclei familiari a basso reddito. È questa la grande novità introdotta dall’INPS a partire dal 1 aprile. I dipendenti di ditte private non agricole dovranno infatti inviare la richiesta esclusivamente in modalità telematica in modo diretto all’INPS e non più presentando il modello cartaceo al datore di lavoro.

 

La richiesta in modalità telematica

La nuova modalità di trasmissione della domanda prevede che il dipendente invii online direttamente all’INPS la richiesta per ottenere gli assegni familiari.

La data del 1 aprile riguarda solo le nuove richieste, le variazioni del nucleo familiare (ad esempio una nuova nascita) e la variazione delle condizioni di spettanza, che devono essere inviate esclusivamente in via telematica.

 Le domande presentate fino al 31 marzo con il modello cartaceo al datore di lavoro per il periodo dal 1 luglio 2018 al 30 giugno 2019 ed eventuali domande per periodi arretrati, infatti, non dovranno essere ripresentate ma continueranno ad essere gestite direttamente dal datore di lavoro che quantificherà, erogherà e conguaglierà gli importi spettanti entro e non oltre il 30 giugno.

 

Le istruzioni per il dipendente

Il dipendente deve inviare la richiesta tramite il proprio PIN personale accedendo al portale dell’INPS e seguendo la procedura dedicata. In alternativa può rivolgersi ad un patronato tra cui il nostro EPASA-ITACO CNA che lo seguirà personalmente nella presentazione della domanda. Successivamente a tale invio l’INPS verificherà i requisiti e calcolerà gli importi spettanti.

Il dipendente potrà verificare l’esito della domanda nella sezione “consultazione domanda” della propria area riservata, l’INPS infatti non invierà conferme al dipendente ma solo l’eventuale comunicazione di reiezione.

Nel caso in cui il datore di lavoro sia cessato o fallito, la domanda dovrà essere presentata telematicamente all’INPS che provvederà esso stesso all’erogazione degli ANF spettanti.

 

Le istruzioni per il datore di lavoro

I datori di lavoro del settore privato non agricolo non dovranno più occuparsi di raccogliere le domande di assegni familiari all’assunzione del dipendente o entro il 30 giugno di ogni anno. Dovranno accedere ad una apposita utility che sarà messa a disposizione nel sito dell’INPS dove, inserendo il codice fiscale del lavoratore (o del richiedente, se diverso dal lavoratore) potranno visualizzare gli importi di ANF spettanti. A questo punto sulla base dei giorni di presenza/assenza l’azienda quantificherà l’importo erogabile nel mese elaborandolo nel cedolino paga, lo corrisponderà al dipendente e lo porterà a conguaglio.

Nel caso in cui il lavoratore abbia richiesto ANF per periodi arretrati, il datore di lavoro potrà erogare gli importi solo in riferimento all’arco temporale in cui il lavoratore è stato alla sue dipendenze.


Dato il cambiamento effettuato dall’INPS è necessario che le imprese mettano al corrente quanto prima i propri dipendenti di questa nuova modalità di richiesta degli assegni familiari.



Per informazioni

Contatta i nostri uffici allo 0444 569 900 o manda una mail a vicenza@epasa-itaco.it.

 

Assegni per il nucleo familiare: nuova modalità te

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Instagram CNA   Linkedin CNA 

 

 

 

 



segnala stampa articolo

sitengine telemar