Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> News 
Blocco traffico a Vicenza, CNA incontra il Comune

Girata all’assessore all’ambiente la proposta di una “finestra” per consentire il transito ai mezzi stoppati dall’ordinanza. Campesato, ASA Vicentina: “Altrimenti penalizzate le piccole imprese”



Blocco traffico Vicenza

 

Tutela dell’ambiente, ma nel rispetto del lavoro di artigiani e piccoli imprenditori. È l’appello rivolto all’Amministrazione del capoluogo da una delegazione di CNA Vicenza guidata da Antonietta Campesato, presidente dell’ASA Vicentina dell’associazione territoriale, durante un vertice tra l’assessore all’ambiente Lucio Zoppello e i rappresentanti delle categorie economiche.

Oggetto del confronto il tema del blocco del traffico ai mezzi più inquinanti, da anni pratica consolidata nel periodo dal 1° ottobre al 31 marzo, ma disposto quest’anno in maniera più restrittiva, secondo quanto stabilito dall’Accordo di bacino Padano siglato da Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. Per la prima volta infatti il divieto di circolazione, in vigore tutti i giorni feriali dalle 8.30 alle 18.30, è stato esteso anche ai diesel Euro 3 (oltre ai benzina euro 0 e 1, e ai diesel delle classi inferiori).

«Una scelta - evidenzia Campesato - che penalizza noi artigiani e piccoli imprenditori. Un mezzo Euro 3 ha appena una decina d’anni, che è poco se si considera che la vita media di un veicolo professionale può tranquillamente mantenere l’efficienza per un periodo ben più lungo. È vero che non possiamo stare con le mani in mano se si tratta dell’aria che respiriamo, ma per una piccola azienda mettere mano al portafoglio per far fronte a un investimento importante come l’acquisto di uno o più automezzi rischia di essere proibitivo. Con ricadute dirette sulla quotidiana attività lavorativa».
CNA Vicenza ha quindi scelto di avanzare una serie di proposte con cui perfezionare la delibera, salvaguardando sia la primaria esigenza di ridurre le polveri sottili in atmosfera sia la necessaria continuità operativa vitale per le attività imprenditoriali del territorio.

La “finestra” di transito
La prima proposta sul tavolo riguarda la possibilità di inserire una “finestra” di transito consentito per massimo un paio d’ore anche per i mezzi diesel euro 3, a cavallo dell’orario di pranzo. Una proposta analoga a quella avanzata da CNA Torino, e approvata dall’amministrazione del capoluogo piemontese. In questo modo i mezzi in ingresso o uscita dalla zona rossa prima dell’orario di divieto potrebbero contare su un’ulteriore possibilità di transito all’interno della medesima giornata lavorativa, senza dover attendere la sera.

«Un compromesso - spiega Campesato - utile a dare maggiore libertà di gestione del tempo di pausa pranzo al conducente, ma soprattutto fondamentale per consentire al veicolo professionale di effettuare a metà giornata lo scarico e il ricarico di merci o equipaggiamenti di servizio necessari».

Promozione di misure collaterali
Alla parziale concessione riconosciuta temporaneamente alle imprese dovrebbe seguire, secondo CNA Vicenza, anche la promozione di misure e incentivi per rendere più alla portata la rottamazione dei mezzi inquinanti. 

«È evidente - continua Campesato - che anche la “finestra” non è la soluzione. Il problema è l’inquinamento, e si risolve solo attraverso la sostituzione dei veicoli obsoleti con mezzi più “green”. Ma le istituzioni devono fare sistema per offrire incentivi concreti e per tutti. Da poco è stato istituito il bando rottamazione regionale, ed è già qualcosa. Troppo poco però se si contano quante sono le piccole imprese che chiedono una mano per fare la propria parte nella battaglia per la tutela dell’ambiente. La “finestra” può essere il modo per avviare il passaggio in maniera graduale, ma dall’altra parte servono le risorse per sostenerlo. Questo è investire per il benessere sociale, sia in termini ambientali che economici».
 

Allineamento delle diverse politiche ambientali del territorio
L’altra grande sfida riguarda la necessità di uniformare le differenti politiche ambientali adottate dai diversi Comuni, sia della provincia di Vicenza sia dei territori confinanti: indispensabile che le amministrazioni collaborino per definire una linea comune, chiara e condivisa.

«Per il conducente che si sposta all’interno della Regione - conclude Campesato - attraversare il territorio è diventato un gioco a incastro, tra zone rosse e deroghe differenti ogni volta che si oltrepassa un confine comunale. Anche qui serve chiarezza: l’aria è la stessa per tutti, e si presume che le stesse dovrebbero essere le misure adottabili per ridurre lo smog. Facciamo appello al sindaco di Vicenza, affinché intanto a livello provinciale si possa ottenere un allineamento tra le misure che valga per tutti i Comuni vicentini».

Ora la palla passa all’amministrazione vicentina, che ha promesso di analizzare tutte le proposte formalizzate durante l’incontro e di considerare in prima battuta l’ipotesi di eventuali aggiustamenti alla delibera. Entro le prossime settimane è atteso un nuovo confronto tra le parti con le conclusioni.

   

Contatti Area Servizio Mestieri CNA Vicenza 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Google+ CNA   Linkedin CNA 



(25/10/2018)


segnala stampa articolo

sitengine telemar