Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Home -> News 
Rating legalità, essere soci CNA dà più punti e opportunità nei bandi

La Confederazione è la 1^ Associazione artigiana ad aver ottenuto l'idoneità sul codice etico dall’Autorità Garante. Vantaggi e agevolazioni per le imprese socie che partecipano ai bandi pubblici.



Decreto Dignità, in vista la versione “2.0”

 

Da sempre CNA ha creduto e sostenuto l’importanza fondamentale di valori come legalità, etica e trasparenza. Per questo, dal 2007, ha approvato un codice etico del comportamento imprenditoriale e deontologico per gli associati, i dirigenti e i dipendenti della Confederazione.

Una scelta importante, per un’associazione di categoria che rappresenta e tutela oltre 600 mila imprese in tutta Italia, ma non scontata. Scelta che, negli ultimi giorni, ha premiato il sistema e tutti gli associati: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha infatti inserito CNA tra le associazioni il cui codice è riconosciuto coerente con le disposizioni del Regolamento attuativo in materia di rating di legalità. E i vantaggi per le imprese socie non mancano. 

Rating di legalità: cos’è e come funziona

Introdotto con il DL 1/2012, il rating di legalità ha l’intento di promuovere l’inserimento di principi etici nei comportamenti delle imprese, incentivando in questo senso la concessione di finanziamenti da parte delle pubbliche amministrazioni.

Viene misurato in “stellette”, che indicano il grado di rispetto della legalità da parte delle aziende e l’attenzione che le stesse mostrano nella corretta gestione del proprio business.

Le “stellette”, da un minimo di una a un massimo di tre, sono attribuite dall’Autorità Garante della concorrenza e del mercato, sulla base delle dichiarazioni che le imprese forniscono, e che verranno verificate tramite controlli incrociati con i dati in possesso delle pubbliche amministrazioni interessate.

L’impresa associata a CNA che intende certificare il proprio rating parte favorita: un punto in più per ottenere una delle tre “stellette” viene riconosciuto in automatico proprio a chi fa parte di un’associazione con codice etico riconosciuto dal Garante. 

Bandi pubblici più accessibili e punteggi più alti per gli associati

Che vantaggio dà alle imprese la certificazione del rating? Be’, oltre a essere etichetta di affidabilità di fronte a qualsiasi interlocutore, apre un canale preferenziale per la partecipazione ai bandi pubblici.

Oggi infatti è diventata prassi comune delle amministrazioni pubbliche prevedere premialità o riservare quote specifiche di punteggio in graduatoria a imprese in possesso del rating di legalità.

Come associata a CNA, un’azienda può dunque incrementare la possibilità di godere di alcuni vantaggi in sede di partecipazione e assegnazione di bandi pubblici e di agevolazioni per l’accesso al credito bancario.

Requisiti per l’attribuzione del rating di legalità

Per poter richiedere il rating di legalità, un requisito fondamentale è che l’impresa abbia raggiunto un fatturato minimo di 2 milioni di euro nell’esercizio chiuso l’anno precedente alla richiesta.

Le imprese hanno dunque diritto all’attribuzione di un punteggio pari ad una “stelletta” quando rispettano i seguenti requisiti base, inerenti l’assenza di:

a) misure di prevenzione e cautelari di tipo personale e/o patrimoniale a carico del titolare o degli amministratori;

b) illeciti amministrativi;

c) illeciti antitrust gravi;

d) pratiche commerciali scorrette;

e) illeciti fiscali, tributari, contributivi e assicurativi;

f) provvedimenti di accertamento del mancato rispetto delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;

g) illeciti sulla disciplina sull’uso del contante;

h) provvedimenti di revoca di finanziamenti pubblici;

i) provvedimenti sanzionatori dell’ANAC in materia di prevenzione della corruzione, trasparenza e contratti pubblici;

j) provvedimenti antimafia;

Inoltre, l’impresa collettiva non deve essere controllata da società o enti esteri per i quali non è possibile l’identificazione dei soggetti che ne detengono le quote.

Verifica i requisiti della tua impresa con noi

Sei interessato a verificare il tuo rating? I professionisti CNA Vicenza sono a disposizione per accertare se la tua impresa ha i requisiti necessari per presentare richiesta e per accompagnarti nel percorso per l’ottenimento del punteggio. 

Contatta i nostri uffici alla mail mestieri@cnavicenza.it o chiama lo 0444 569 900.

CNA in prima linea a difesa dei valori d’impresa

Per CNA, che fin dalla sua nascita ha sostenuto e promosso un sistema di valori all’insegna della legalità e della trasparenza, essere la prima associazione artigiana che gode di un codice etico approvato dall’Autorità Garante è motivo di grande orgoglio e soddisfazione.

Perchè per CNA fare impresa, oltre ad essere un lavoro, significa svolgere un’attività che ha un certo impatto: sui dipendenti, sulla società, sul territorio, sull’ambiente.

Aver difeso da sempre l’etica e la responsabilità sociale non solo attraverso tutto il sistema, ma anche tra gli associati, ha dato i suoi buono frutti, e il riconoscimento da parte del Garante traduce in concreto l’impegno dell’associazione e di tutte le imprese che ne fanno parte.

 

Decreto Dignità, in vista la versione “2.0”
 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

Facebook CNA   Twitter CNA   Google+ CNA   Linkedin CNA 



(31/07/2018)


segnala stampa articolo

sitengine telemar