Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornirti servizi e pubblicità in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner o prosegui con la navigazione cliccando un elemento della pagina ne accetti l'utilizzo.
Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa. Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Sei un socio non un numero

Associazione
Servizi
News
Acconciatori
Agroalimentare e ristorazione
Autoriparatori
Autotrasportatori-FITA
Edilizia
Elettrici ed elettronici
Estetica
Federmoda
Fotografi
Grafica e web
ICT
Imprese di Pulizia
Legno e arredo
Meccanica
Orafi
Taxi - NCC
Termoidraulici
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA


Riders, siglato il nuovo contratto di lavoro nazionale

CNA in prima linea per disciplinare il settore. Più tutele per i lavoratori, orario flessibile e attenzione alla sicurezza



Imprese alimentari: un corso CNA insegna come risp

 

Più tutele per i lavoratori, orario flessibile e attenzione alla sicurezza. Sono questi i principi cardine del nuovo CCNL per i “Riders”, i fattorini che effettuano consegne a domicilio, siglato la scorsa settimana tra CNA, le altre Organizzazioni Datoriali e i sindacati - FILT CGIL, FIT CISL e UILTRASPORTI UIL.

Il contratto, che si inserisce all’interno CCNL del settore logistica e trasporti e che coinvolge circa 10.000 lavoratori, prevede importanti novità per la categoria: dall’inquadramento con parametri retributivi creati appositamente, all’applicazione di tutti gli istituti contrattuali, compresa la bilateralità propria del settore (EBNA, FSBA e SAN.ARTI.). Ma, soprattutto, il riconoscimento come lavoratori subordinati e non autonomi.

Inquadramento professionale

Stando al nuovo contratto, i lavoratori che effettuano consegne a domicilio rientrano nell’area professionale C, relativa alla disciplina del personale viaggiante. A questa tipologia di lavoratori, come previsto dall’art. 62 del CCNL, non spetta nessuna indennità di trasferta.

Orario di lavoro flessibile

Per quanto riguarda l’orario lavorativo, sarà flessibile, così da garantire il libero svolgimento della specifica tipologia di attività. Il limite di lavoro settimanale viene fissato a 39 ore, che possono essere distribuite fino a un massimo di 6 giorni nell’arco della settimana, ed esaurite nell’arco di 4 settimane.

L’orario minimo di lavoro giornaliero è invece fissato a 2 ore e il massimo a 8 ore, con la possibilità di coniugare la distribuzione urbana di merci con il lavoro in magazzino.

In ogni caso, la durata massima dell’orario di lavoro settimanale, comprensivo delle ore di straordinario, non può superare le 48 ore.

Part time

Per i lavoratori impiegati a tempo parziale, l’orario lavorativo non potrà essere inferiore a 10 ore settimanali, con una prestazione giornaliera minima di 2 ore.

L’azienda e il lavoratore possono pattuire, per iscritto, clausole elastiche e flessibili relative alla durata, per ogni tipologia di part time.

DPI e assicurazioni

Un’attenzione particolare viene riservata alla sicurezza sul lavoro. Secondo il CCNL i riders avranno infatti l’obbligo di indossare caschetto e guanti, e dovranno essere attrezzati con vestiti ad alta visibilità e luci di segnalazione. I Dpi (Dispositivi di protezione individuale), dovranno essere forniti dall’azienda.

Infine, anche i cicli o veicoli non a motore dovranno essere obbligatoriamente provvisti di copertura assicurativa contro terzi a carico dell’azienda.

CNA in prima fila per tutelare la categoria

CNA esprime grande soddisfazione per l’intesa raggiunta. La Confederazione si è impegnata in prima linea per contribuire a regolamentare una categoria professionale - quella dei “riders” - che non aveva ancora trovato inquadramento giuridico.

Le maggiori tutele e l’attenzione al welfare per una fetta importante di lavoratori della cosiddetta “gig economy” dimostrano l’impegno dell’Associazione a tutela di tutte le categorie di lavoratori, soprattutto quelle più “deboli” e più a rischio.


COMPRO ORO: COSA C’È DA SAPERE DOPO L’APPROVAZIONE 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news  

Facebook CNA  Twitter  Google+   Origin, ovvero quando le imprese manifatturiere in 



segnala stampa articolo

sitengine telemar