Utilizzando questo sito accetti l'uso dei cookies per analisi e contenuti personalizzati Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese

Associazione
Servizi
News
Media
Documentazione utile
CNA ServiziPiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA
PayShop Srl


Nasce Intex, il nuovo servizio CNA Vicenza per spingere l'export delle Pmi

Un progetto unico, per insegnare alle imprese prima di tutti l'auotanalisi. Leone, direttore CNA Vicenza "Troppe aziende non conoscono ancora il loro vero potenziale"



Export, il nuovo bando Mise per Pmi e startup



 

Il 74% delle piccole e medie imprese vicentine non è in grado di riconoscere quali sono i valori che le rendono uniche. È il dato più emblematico emerso dall’indagine condotta da CNA Vicenza in collaborazione con l’osservatorio di CNA Veneto su un campione di attività selezionate nell’ambito del nuovo progetto Intex: nel mirino le tante piccole realtà locali già potenziali ”ambasciatrici” della qualità del Made in Italy, che però ancora non hanno spiccato il volo verso nuovi mercati oltre confine. L’associazione ha promosso lo studio proprio con l’obiettivo di individuare se esistono e quali sono i limiti che ancora vincolano o fanno paura alle realtà meno strutturate, per costruire assieme una strategia attraverso la quale abbattere con successo ogni tipo di confine.

 

«Ci siamo accorti che il primo problema è proprio una questione di consapevolezza - evidenzia Alessandro Leone, direttore di CNA Vicenza -: molte imprese non si rendono conto di avere un potenziale incredibile, in grado di distinguerle da tutti i competitor, qui ma anche nei mercati internazionali. Se chiedi ad artigiani e imprenditori i loro punti di forza magari ti parlano di qualità o esperienza, ma questi sono ormai termini abusati. I valori veri, quelli che realmente rendono differenti, invece vengono dati per scontati, perché semplicemente quando ci sei immerso tutto il giorno, non li vedi più. Serve dunque più autoconsapevolezza, per guardarsi dentro assumendo il punto di vista di chi ci vede da fuori».

 

Metodi di lavoro poco flessibili

L’altra grande partita riguarda la predisposizione ad adattare i propri metodi di lavoro al cambiamento e al progresso tecnologico. Quasi il 68% delle imprese selezionate dichiara di lavorare seguendo le stesse procedure della generazione precedente, e di aver informatizzato solamente l’area amministrativa. Il 90% dichiara di non aver mai preso in considerazione di utilizzare l’eCommerce o analoghi, e addirittura il 26% teme che il commercio elettronico possa essere addirittura rischioso per il proprio commercio tradizionale. Inoltre ben 4 imprese su 10 ancora non hanno un sito istituzionale.

 

«Troppe imprese - conferma Leone - sono rimaste ferme a soluzioni che hanno funzionato benissimo in passato, ma in contesti completamente differenti. Se già nel mercato tradizionale non rimanere al passo coi tempi può essere pericoloso, all’estero rischia di vanificare ogni sforzo».  

 

Nasce Intex, il sostegno alle imprese per un export intelligente

A partire da queste valutazioni CNA Vicenza ha scelto quindi di varare Intex, un’iniziativa unica nel territorio per unire i vari strumenti a supporto dell’export - messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo, dalla Camera di Commercio di Vicenza o da Fondi Bilaterali - a un’attività di autoanalisi preliminare da sviluppare assieme alle imprese.

 

«Oggi ci sono molte agevolazioni sul piatto - prosegue Leone -, ma la domanda che ci siamo fatti è: perché nonostante questo sono ancora pochi quelli disposti a raccogliere la sfida? I servizi di consulenza non mancano, e CNA Vicenza stessa è molto attiva in questo campo, ma sicuramente non basta. Intex nasce per andare oltre, aiutando le imprese prima di tutto a conoscere se stesse».


[Leggi anche: Export, il nuovo bando Mise per Pmi e Startup. CNA Vicenza diventa Temporary Export Manager]

 

Il progetto Intex capovolge quindi il punto di vista. Il focus primario non è infatti il mercato di riferimento nel quale sviluppare la strategia di export, ma l’azienda stessa. Attraverso uno studio complessivo dei punti di forza e di debolezza, del metodo organizzativo interno, del grado di avanzamento tecnologico e digitale, viene fornito un quadro dettagliato dello stato di partenza. Solo una volta ultimato questo percorso si comincia a costruire la strategia di internazionalizzazione vera e propria, definendo quanto e su quali mercati puntare, stimando i benefici nel medio e lungo termine e individuando le risorse per sostenere i costi iniziali.

 

«L’estero è un’opportunità reale – aggiunge Cinzia Fabris, presidente di CNA Vicenza -, anzi la vera grande occasione per spingere la ripresa attraverso la crescita delle Pmi. Ma è comunque un cambiamento che se non ponderato può stravolgere gli equilibri interni di una piccola impresa. Per questo abbiamo fortemente scelto di credere in Intex, l’unico metodo per rendere davvero l’export intelligente».



Corso di formazione: il controllo di gestione per  

 

Seguici anche sui nostri social per tutte le news 

CNA VICENZA PORTA LE IMPRESE INNOVATIVE DA GOOGLE    CNA VICENZA PORTA LE IMPRESE INNOVATIVE DA GOOGLE    CNA VICENZA PORTA LE IMPRESE INNOVATIVE DA GOOGLE     I segreti della cosmetica svelati dal guru interna 



segnala stampa articolo

Facebook CNA Facebook CNA Facebook CNA

sitengine telemar copyright ©2002-2012 CNA