Utilizzando questo sito accetti l'uso dei cookies per analisi e contenuti personalizzati Approfondisci
CNA VICENZA Artigiani e Piccole Imprese
Mappa Sito Contattaci

Sedi - Orari - Contatti
Associazione
Infonews CNA
Servizi per le Imprese
Area Media
Documentazione utile
Download
Link utili
CNA Servizipiù


Appuntamenti Appuntamenti
Formazione Formazione
Scadenzario Scadenziario
Area Riservata Area Riservata


cerca nel sito

Associati a CNA!
Newsletter CNA Vicenza
CNA Nazionale
CNA impresa sensibile e CNA Vicenza a sostegno di
Sviluppo Artigiano
SOS IMPRENDITORI
CAF CNA
EBAV
PayShop Srl


Home -> CNA Vicenza -> storia 
storia

L'anno millenovecentosessantasei (1966) il giorno dodici (12) del mese di agosto, a Vicenza, nel mio studio in Via Due Ruote n. 35, innanzi a me Dott. Procuratore Umberto Caprara, Notaio in Vicenza...

STORIA DELLA CNA VICENTINA

L'anno millenovecentosessantasei (1966) il giorno dodici (12) del mese di agosto, a Vicenza, nel mio studio in Via Due Ruote n. 35, innanzi a me Dott. Procuratore Umberto Caprara, Notaio in Vicenza...": così inizia l'atto costitutivo della Federazione Vicentina Artigiani (F.V.A.) con prima sede fissata in Via S. Barbara 21.
E’ una decina di persone quella che, davanti al notaio, esprime la volontà di far nascere un'associazione artigiana in una provincia come Vicenza, in cui, dal 1946, esisteva già un'altra associazione con largo seguito di adesioni e di credibilità presso le Istituzioni.

Storicamente le motivazioni sono quelle che apparentano per genesi molte altre organizzazioni di massa nate e sviluppatesi in Italia dalla proclamazione della Repubblica in avanti: si tratta di una naturale spinta al pluralismo associativo, necessario quando i soggetti sociali sono numerosi ed animati da composite aspirazioni di ordine sociale, politico, culturale.
Siamo negli anni Sessanta, già in presenza di quei fermenti che ormai le evoluzioni più recenti hanno indotto ad archiviare, ma che connotano la storia di anni esaltanti e insieme drammatici di un Paese che, uscito dalla dittatura e dalla guerra perduta, travagliato dalla spaccatura politica tra monarchia e repubblica, tra socialismo possibile e democrazia incipiente, ha saputo passare dall'economia agricola a quella industriale, scavalcando anche gli anni di una possibile inversione di tendenza rispetto a quella rotta di cui oggi stiamo godendo i benèfici risultati.
Allora l'idealistico impegno per incidere nella non ancora avvenuta evoluzione della società, per un associazionismo più attivo, magari più critico, ma certamente meno avvolto di assistenzialismo para istituzionale e più combattivo nella sottolineatura delle aspettative, faceva da sfondo politico e culturale divenendo comune denominatore di quello sparuto gruppetto di coraggiosi fondatori della F.V.A. che, aderendo alla Confederazione Nazionale dell'Artigianato, divenne poi C.N.A. - Associazione Provinciale di Vicenza.
Con queste premesse, la neonata organizzazione, avendo impostato la sua azione su un impegno di rivendicazione, di lotta, di contestazione, provocò la reazione del tranquillo ambiente vicentino che, con l'andar del tempo, reagì creando un cordone di diffidenza e di emarginazione che non fece bene né all'artigianato di Vicenza, né alla CNA: a questa perché il suo settarismo le divenne suo malgrado bandiera negativa; a quello perché fu per troppo tempo privato di un pluralismo rappresentativo che ne esaltasse la forza e la credibilità.


Nascita e sviluppo della CNA a Vicenza


segnala stampa articolo
CNA VICENZA srl
Servizi per la gestione e lo sviluppo d'impresa
Sede legale: Via Giuseppe Zampieri, 19 - 36100 Vicenza (VI)
Tel. 0444 569900 - Fax 0444 961628
e-mail: cna@cnavicenza.it www.cnavicenza.it
P.IVA 02797500242 Capitale sociale 52.000,00 euro i.v.
C.F. e n° iscrizione Registro Imprese 02797500242 REA n° 277034
Iscritto al n° 44 dell'albo dei CAF IMPRESE Centro di Assistenza Fiscale alle Imprese
Soggetta a direzione e coordinamento di CNA Associazione Provinciale ex art. 2497 bis c.c.

sitengine telemar copyright ©2002-2012 CNA